Lelenu in Wonderland



Elena| Sicily| '19


Zuhair Murad Haute Couture Fall 2014
SSS -Solo un Sabato Solitario

Sabato 26 Luglio 2014.
È luglio ed è sabato. È luglio, è sabato, sono in Sicilia e il sole sembra essersi eclissato in un modo che nemmeno nei tenebrosi pomeriggi piovigginosi di Marzo.

Probabilmente da una ragazza di venti anni ci si aspetta il meglio di sabato - a luglio e in Sicilia. 

A dire il vero il massimo che offre la giornata è una passeggiata sulla spiaggia all’ ombra naturale delle nuvole. Un libro, un prendi-non-sole e la lista di cose da portare con me domani. 

Domani, domenica 27 Luglio 2014, sole o non sole, vento o non vento, pioggia o non pioggia, insomma cascasse il mondo, io sarò in una piccola cittadina, perla del turismo al sud, meglio conosciuta come Taormina. Cascasse il mondo ma sarò ad un concerto. Cascasse il mondo ma sarò lí per James Blunt.


Ecco forse potrebbe essere questo lo scopo capace di risollevare il mio grigio e triste SSS.
Il mucchio di tempo a disposizione oggi per disquisire con me stessa, sembra suggerirmi un caldo e sostanzioso pit stop su cosa si conviene indossare in un occasione quale quella di domani.


Taormina significa maxi-dress, maxi-occhiali da sole, maxi-cappelli, maxi-qualunque cosa voglia tu indossare per passeggiare nelle viuzze retró-chic piene di vetrine che offrono spesso spettacoli di cui tu non potrai mai usufruire se non con gli occhi. Insomma, il trucco è mischiarsi tra quei turisti che soggiornano per settimane al sontuoso e lussuoso San Domenico o chi viene in escursione dopo aver attraccato il suo yacht nel porto più vicino.
In ordinaria situazione tutto questo è fattibile. Senza strafare o indebitarsi.

Camminare a testa alta con gli occhiali da Diva degli anni ‘60 è un qualcosa che tutte possiamo fare. Chi più chi meno -chi indossando H&M, chi indossando D&G- può attenersi a queste piccole regole di sopravvivenza glam.


Ma che succede se sei costretta ad accamparti fuori da un cancello che porterà ad una spericolata corsa - con annessa sgomitata feroce- per accalappiarsi i posti migliori e ascoltare con le lacrime agli occhi come una ragazzina di quattordici anni ‘Goodbye my lover’?
Succede che devi eliminare ogni tipo di maxi-mini-midi-dress dalle tue possibilità. Succede che il cappello deve evitarti una insolazione e non essere protagonista di una foto da blog. Succede che le scarpe da ginnastica diventeranno le tue migliori alleate e i sandali si prenderanno un giorno di ferie.
Succede che dovrai essere comoda, fresca e pronta alle pietre del Teatro Greco di Taormina.


Capisco che tutto questo porta a far scattare in testa un allarme rosso che al posto di ‘comoda e fresca’ trasmetterà ad intermittenza un illuminato “sciatta e anonima”.
Beh, ferma, giù le armi e proviamo ad arginare questo allarme prevenuto nella tua testolina.


Partiamo dal presupposto che dire ‘jeans’ significa prima di tutto dire ‘versatile’. Versatile. Questo è il concetto su cui ci si basa. Un jeans, che arrivi alla caviglia o vi lasci le gambe scoperte poco importa, può essere una buona base su cui lavorare. Cosa esiste meglio del denim per correre, affrontare la pietra su cui camminava Aristotele e sembrare al contempo per nulla anonima?

Beh, per attuare l’ultimo punto probabilmente sono necessari una serie di accorgimenti che prima di uscire di casa ti faranno sorridere a te stessa davanti allo specchio.


Una banale tshirt potrebbe essere sostituita da una canotta, magari colorata o piena di scritte. Consiglio di evitare il ‘Marry me, James’. Almeno per il momento.
E il fatto che le tue scarpe saranno delle normalissime Nike o delle Superga passerà in secondo piano se i tuoi capelli saranno raccolti da un coppola leggermente obliqua sulla tua fronte e i tuoi occhi saranno protetti dal sole con degli occhiali vintage stile Lozza.


Orecchini quasi invisibili se la maglia prevede una scollatura più che ampia e la possibilità di riempirla con una collana molto colorata. In caso contrario, esagera: metti su’ il miglior paio di ‘lampadari’ ma, ti prego, evita la plastica o le paillettes.
Ricopri le braccia di nastri e caucciù, poco importa se copriranno il tuo Pandora o l’ultimo modello di Casio.


Reflex al collo e voglia di buona musica.

E se a fine concerto, sulle note di 1973, con le lacrime agli ongoli degli occhi, sentirai freddo, metti sù il ‘Marry me, James’, stringiti alle amiche attorno a te e alza il telefono per unire la tua lucina a tutte le altre in festa per il tuo cantante preferito.



Jamie Dornan for Sunday Times Style

Adelaide Kane and Toby Regbo at the Reign panel (San Diego Comic Con 2014)

andrewgarfielddaily:

Actors Emma Stone and Andrew Garfield attend the “Magic In The Moonlight” premiere at the Paris Theater on July 17, 2014 in New York City.
whore-for-couture:

mulberry-cookies:

Giambattista Valli Fall 2014 Haute Couture

Haute Couture blog :)

velvetrunway:

Zuhair Murad F/W 2014 Haute Coutureposted by FatalScroll